Francesco Tinacci - Psicologo e Psicoterapeuta | Riceve ad Empoli e Firenze

Email: [email protected] | Tel: +39 338 501 4333

ESSERE PROFETI DEL PROPRIO DESTINO

ESSERE PROFETI DEL PROPRIO DESTINO
29 settembre 2016 francesco

Seguendo il senso comune è il passato che determina il futuro, per esempio se studio ho più probabilità di passare un esame universitario, o ancora più radicale, se prima prendo l’ombrello dopo non mi bagno se piove. Non fa una piega guai mettere l’aratro davanti ai buoi.

In ambito psicologico esiste un fenomeno che sovverte questa logica, ovvero è il futuro a determinare il presente. Si tratta della profezia che si auto-avvera, ossia l’anticipazione di qualcosa è essa stessa ciò che la fa realizzare.

Un esempio in ambito relazionale è “gli altri mi rifiuteranno”, mi chiudo e accade che gli altri mi rifiutano davvero perché mi sono chiuso.

Ancora “non sarò in grado di fare quella cosa” evito e confermo a me stesso e agli altri di non essere in grado.

Assecondando la profezia, ovvero comportandosi come se dovesse accadere, la persona la realizza.

La soluzione quindi è mettere in discussione le proprie convinzioni su ciò che può accadere e non assecondarle, comportarsi come se non fossero vere, per non essere profeti (in negativo) del proprio destino.

Mi chiedo: quanto peso ha questo processo nella costruzione dei problemi umani?

quanto è utile andare a cercare le ipotetiche cause dei problemi quando siamo noi ha costruirli?

 

Comments (0)

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*